Condividi

Riattivazione e Azione

 

Ci è mai capitato di fare un passo indietro per farne poi due avanti più velocemente?

Qual è il passo da compiere per riattivarci?

Come possiamo diventare degli esempi di buone attitudini?

 

Queste domande sono alla base dei nostri percorsi dedicati alla riattivazione che mirano a riattivare e a riequilibrare la vitalità “interiore ed esteriore” e quindi per ricominciare bene.

 

Di fronte a queste domande iniziali non possiamo non parlare di qualità identificate per una riattivazione della propria “leadership”, come ad esempio:

  • La visione: la missione, l ’impegno per l ’obiettivo, il rivolgersi al futuro

  • La passione: il fatto di fornire il gusto di fare

  • L’integrità : Il comportamento condiziona il rispetto, occorre essere di esempio

  • L’audacia : la curiosità, l’innovazione

  • L’incoraggiamento: incoraggiare, incoraggiare, incoraggiare

 

Inoltre occorre uno sviluppo di competenze che, a parte l’intervento formativo e facilitativo, solo il counseling ed il coaching integrato possono dare.

Occorre infatti sviluppare e vivere esperienzialmente delle nuove metafore, ad esempio:

  1. la metafora evidente di non avere la totale visione della situazione, in questo caso non vedere la situazione tridimensionale che è indice di mancanza di profondità della visione

  2. la metafora del “non riuscire a gestire più stimoli contemporaneamente” e conseguente confusione che crea disequilibrio

 

Occorre dunque recuperare “posizioni”, “pensieri” e sequenze che partono dal rispetto dei tempi (e aggiungiamo anche del ritmo del respiro) di ogni singolo e delle sue capacità di gestione emotiva.

 

In pratica occorre sviluppare la nostra simmetria attraverso un’ insieme di nuove regole di comportamento conformi ad un ideale, che serve da riferimento comune (valori) ed attraverso una nuova predisposizione psicologica ad agire, caratterizzata da un’intenzione, e da un nuovo stato mentale (attitudini).