Condividi

Workshop

Risparmiare attaccando lo spreco: piano riduzione sprechi (PSR)

 

"Dipenderai meno dal futuro se avrai in pugno il presente!"

Seneca

 

Milano, 21 Marzo 2014

Milano, 20 Giugno 2014

Milano, 24 Ottobre 2014

 
Pensare cosa vorrebbe il cliente. E dargli solo quello

Lo spreco può essere definito come l’insieme di tutti quei costi che l’azienda sopporta senza che via sia uno specifico e profittevole ritorno economico per essa. Sono quindi da annoverare come sprechi l’eccesso di energia, materiali diretti e accessori alla fabbricazione dei prodotti, il cattivo uso del tempo uomo e macchina e tutti gli sforzi umani fisici e intellettuali, superiori a quelli che garantirebbero condizioni standard di buona produzione, il cui risultato è un prodotto-servizio vendibile nel mercato di sbocco.
Va sottolineato che esistono tecniche precise sviluppate per comprendere come soddisfare i bisogni di un cliente con un dato prodotto-servizio,
esistente oppure nuovo. Citiamo l’Analisi del Valore, il Design to Cost e tutte le tecniche di benchmarking e valutazioni multi dimensionali dei giudizi clienti per capire cosa desidera e per cosa paga il cliente.
 

Su queste basi oggettive dovrebbero essere progettate oggigiorno le soluzioni che l’azienda propone al mercato. A ben vedere, ci è capitato di incontrare non pochi gruppi di design review che non sapevano bene identificare il vero cliente del proprio prodotto: era il canale distributivo, oppure era l’installatore, oppure il cliente finale? Di certo c’era solo che il prodotto esisteva già, costava troppo rispetto la concorrenza e creava problemi, come garanzie, per problemi in fabbricazione, motivi di sicurezza ecc. e ancor più certamente, vista quest’aura di ignoranza, era ricco di spunti per risparmiare.
In quest’ottica risulta chiaro che lo spreco nell’industria, così come in altre organizzazioni, comporta un cattivo uso di metodi, di denaro, di
manodopera, di materiali e di macchinari, con il risultato di gravare di perdite, più o meno nascoste, l’azienda.

 

Comprendere però cosa desidera il cliente e, conseguentemente, progettare la soluzione meglio bilanciata del prodotto-servizio da proporgli
risulta essenziale.

Sopratutto in periodi di crisi, nasce la volontà di produrre e realizzare un servizio ancor più efficiente per ottenere ancor più risparmi, focalizzandosi sull’uso “sapiente” di Materie Prime (MP), materiali affini e Prodotti Finiti.

 All’interno di grandi Aziende distributive fra prodotti brand, private labell, materie prime, lo spreco di ammonta è una della maggiori imputazioni di costo.

Sarebbe sfidante, come primo risultato di cambiamento, riuscire a rimuovere i motivi di spreco (MP, affini, altro) per una quota del 15-20% di un sito produttivo / distributivo (in funzione di tempistiche più o meno “strette” e/o investimenti più o meno coraggiosi).

Grazie ad un Piano Riduzione Sprechi (PRS) intendiamo rendere tangibile quanto si può risparmiare ancora, con scelte orientate alla analisi metodica degli sprechi nei processi, già oggetto di saving reviews “tradizionali”.

 

 

 

Aggiungiamo che, per nostra esperienza, il successo di queste azioni “concrete” porta spesso a ulteriori fall-out  di re-design di prodotti e/o processi, in linea con le più attuali strategie di “Ecological Footprint Production”.

Chiave di volta dell’approccio sarà poi mostrare al TEAM il modo di cambiare, proponendo  e realizzando in autonomia nuove ed originali contromisure tecniche e/o gestionali.

Target:

  • Imprenditori
  • Direzione funzionale
  • Produzione
  • Team leader
  • Consulenti

 

Informazioni opertaive sul Workshop:


Il workshop prevede un costo di € 170 + IVA , da pagarsi con bonifico bancario solo alla conferma di iscrizione da parte della nostra segreteria didattica. 

All'interno del singolo corso verrà dato il libro “Saving in Produzione”, pubblicato da edizioni FAG.

 

La partenza del workshop avverrà con un numero minimo di partecipanti. L'aula è a numero chiuso.

 

Il workshop si terrà dalle ore 14.15 alle ore 17.30 a Milano.

 
Per maggiori informazioni ed iscrizioni ai workshop, contattaci inviando un'email all''indirizzo comunicazioni@econsultant.it ,oppure chiamaci direttamente, Siamo a Vostra completa disposizione 02/36508809 

Compilate la nostra scheda di iscrizione

  


Segreteria organizzativa

-consultant S.r.l., via Cardinal Mezzofanti 30, 20133, Milano, tel. 02.36508809, fax 02.36508809, info@e-consultant.it,