Condividi

 

 

Workshop:

FUTURE COMPETITION

 

Milano, 25 giugno 2012

Ore 17.30 - 19.30 


 

Future Competition è un protocollo consulenziale unico nel suo genere che nasce dall'unione di oltre 15 metodologie di leadership, innovazione, strategia, organizzazione e marketing sviluppate dal 2000, ed ha l'obiettivo di supportare imprese e alter organizzazioni ad affrontare con successo i nuovi scenari competitivi del contesto economico emergente, attraverso un processo di profonda innovazione e cambiamento, per diventare più agili, adattabili, rispondenti, flessibili e resilienti.

 

Detto questo, ci rendiamo conto che il Management come disciplina, come categoria dei saperi, va forse posto oggi in cima a tutti, come era una volta la filosofia o la religione o il diritto, perchè è dal Management che dipende il modo come funzionano le imprese, e di conseguenza il modo come impattano nel mondo e modificano il mondo ?

 

La crisi del 2008 ha segnato un punto di svolta e accelerazione nella riflessione, già in corso, sulla inadeguatazza e sulla necessità di superamento del management tradizionale, operante tutt'ora nel 80% almeno delle imprese e delle altre organizzazioni del mondo (pubbliche o no-profit, di solito meno progredite delle imprese in quanto a nuove tecnologie gestionali), che ha ormai circa 100 anni e che si basa su un impianto filosofico, cartesiano e newtoniano, di tipo razionalista, lineare, meccanicistico e riduzionista, che ha alcuni secoli, ed è oggi ampiamente insufficiante ad affrontare la complessità del mondo attuale.  

 

"Se un dirigente degli anni Sessanta fosse catapultato dalla macchina del tempo in un’azienda dei nostri giorni, si troverebbe a vagare spaesato tra nuove tecnologie, prodotti, sistemi, modelli di comunicazione, fino a quando ... qualcuno gli illustrasse gli stili di management in uso: gli stessi che conosceva e applicava ai suoi tempi ! Uguali ! Immutati ! Il futuro del management evidenzia ciò che tutti sanno ma nessuno ammette: il modo in cui si gestiscono le aziende è sorpassato, e il management deve svecchiarsi e cambiare per non fallire le sfide del nuovo secolo."

Gary Hamel – Il Futuro del Management - 2008

 

Di cosa hanno bisogno imprese, organizzazioni e istituzioni per poter esistere e avere un ruolo nel futuro ?

Secondo noi hanno bisogno di 3 cose : 

  1. un nuovo modo di pensare e vedere il Mondo adottando nuovi modelli di leadership, di innovazione e di cambiamento, 
  2. un riallineamento completo tra Contesto esterno - Strategia per affrontarlo - Organizzazione per attuare la strategia,
  3. l'innovazione dell'approccio al mercato con tutti gli strumenti del marketing collaborativo, non convenzionale e spirituale.

  

Future Competition è un protocollo innovativo basato su paradigmi di pensiero post-razionalisti della “teoria della complessità”, della “teoria evoluzionista”, e della “teoria sistemica”, e su teorie e metodologie del management sviluppate negli ultimi 10 anni, volto a perseguire “deep innovation and change” nelle imprese a livello di Pensiero, Leadership, Modelli di business, Strategie e Paradigmi organizzativi.

 

Nell'ambito del protocollo i riferimenti metodologici principali sono:

 

  • gli enunciati del Management 2.0 e del Manifesto MIX definiti da Gary Hamel e dalla “renegade brigade” nell'ambito del laboratorio di open innovation Management Innovation Exchange, che definiscono il management “the technology of human accomplishment” (la tecnologia per la realizzazione dell'uomo) e affermano la centralità di concetti come creatività e passione insieme a connessione e collaborazione,
  • i paradigmi e gli scenari relativi alla Sostenibilità nel senso più ampio del termine nell'emergente società post-industriale definiti da Peter Senge e dalla Society of Organizational Learning,
  • alcune innovative metodologie per lo sviluppo di business model e strategie, come Blue Ocean Strategy, Design of Business, Value Co-creation, House of Innovation e Business Model Generation,
  • alcune metodologie per lo sviluppo del dialogo e della collaborazione, come il Circle, l'Open Space e il World Cafè, diffuse in modo integrato dal movimento Art of Hosting,
  • la metodologia per l'innovazione e il cambiamento profondi sviluppata da Otto Scharmer e denominata “Theory U : leading from the future as it emerges” (dirigere dal futuro come emerge).

 

Il protocollo è sistemico ed è articolato in 5 parti principali, tre le quali quella relativa alla Strategia risulta baricentrica, Scenari, Strategia e Organizzazione ed il relativo allineamento rappresentano la parte centrale, Pensiero e Leadership rappresentano la parte propedeutica, e Marketing la parte finale, opzionale e più operativa del protocollo.

 

CAMBIAMENTO E LEADERSHIP : adottare nuovi strumenti di Pensiero per l'innovazione e il cambiamento e nuovi approcci alla Leadership ed alla partecipazione coerenti con i valori del contesto emergente. Metodologie principali: System Thinking, Theory U, Leadership Value-Driven, Art of Hosting.

 

SCENARI E TRENDS : diventare consapevoli dei macro-scenari emergenti, acquisire la percezione dei micro-scenari di riferimento, cogliere rischi e opportunità. Previsioni di medio periodo di C.K. Prahalad, Gary Hamel, Peter Senge, Otto Scharmer, metodologie di indagine della Theory U.

 

INNOVAZIONE E STRATEGIA : adottare nuovi Business Model e nuove Strategie adottando le metodologie post-razionaliste e dinamiche sviluppatesi negli ultimi anni. Metodologie principali : Delta Model, Blue Ocean Strategy, Design of Business, House of Innovation, Business Model Generation.

 

MANAGEMENT E ORGANIZZAZIONE : definire nuovi modelli organizzativi coerenti con i nuovi scenari e le nuove strategie. Metodologie : Management 2.0, Management Model di Birkinshaw, Lean Organization.

 

MARKETING STRATEGICO : interagire con il mercato utilizzando tutti i nuovi strumenti di marketing. Metodologie: Marketing collaborativo, Marketing non convenzionale, Marketing spirituale.

 

 


Obiettivi:

 

Nel complesso l'intervento vuole dare risposte alle imprese e organizzazioni che per "competere" nel XXI secolo (intendendo tale parola anche secondo l'originaria etimologia latina il cui significato era “andare insieme”) si pongono domande del tipo:

 

  1. Come sono cambiati e come cambieranno gli scenari globali ?
  2. Quali problemi strutturali e quali nuove opportunità ne derivano ?
  3. Quali sono i nuovi paradigmi di pensiero emergenti ?
  4. Che tipo di evoluzione avranno i modelli economici ?
  5. Quali tipi di complessità dovranno essere affrontati e come ?
  6. Quali nuove metodologie strategiche possono essere utilizzate ?
  7. Quali nuovi modelli di management e engagement sono oggi necessari ?
  8. Quali saranno gli asset strategici più importanti nel futuro ?
  9. Che tipo di leadership diffusa diventa necessaria ?
  10. Quali strumenti di innovazione possono essere adottati ?
  11. Quali nuovi metodi per lo sviluppo della collaborazione sono disponibili ?
  12. Quali nuove metodologie di marketing occorre attuare ?

 

  



Destinatari:

 

Manager, Imprenditori, Coordinatori di risorse, Team Leader

 

Docenti:


Luigi Spiga. Management Consultant e facilitatore dell’apprendimento organizzativo. Fondatore ufficiale per l'Italia della Society for Organizational Learning fondata da Peter Senge a Boston come istituto autonomo collegato al Massachusset Institute of Technology. E’ esperto in change management, art of hosting e tutto quello che è legato allo sviluppo della leadership organizzativa ed individuale.  

 

 
Durata:

 

 

Il percorso introduttivo è della durata di 2 ore con orario 17,30 - 19,30

Quando: 25 giugno 2012


 

Valore economico:  €  70,00+ IVA (Offerta promozionale consultant®) . Possibilità di sconto del 10% per iscrizioni multiple.

 

Richiedeteci direttamente maggiori informazioni: segreteria.didattica@econsultant.it